Mölndal – Ultimo Meeting: un diario italiano

Domenica 6 maggio

 

Come nei precedenti Meeting, siamo partite da Bologna la Domenica per iniziare I lavori il lunedì mattina.

Eravamo molto emozionate perché stavamo per trascorrere l’ultimo incontro insieme esaminando tutti i documenti che abbiamo redatto insieme in vista della conclusione di questa bellissima esperienza.

 

Lunedì 7 maggio

Il lunedì mattina i lavori si sono svolti press oil Municipio di Molndal, dove Naomi Jonas e i suoi collaboratori hanno dato il via al Meeting transnazionale finale.

Successivamente abbiamo condiviso le presentazioni della documentazione prodotta da ogni Team rispetto al Periodo 4: età e disabilità.

E’ sempre molto interessante vedere cosa hanno prodotto i vari Team, sono tutti spunti per riflettere, accogliere suggerimenti e migliorarsi.

In seguito, abbiamo votato per la “Buona Pratica Migliore” e concordato la sua implementazione per inserirla nella Guida di Metodo.

 

In seguito abbiamo pranzato insieme e visitato la libreria pubblica della città.

La libreria è stata recentemente ristrutturata con una grande struttura dove i bambini possono saltare e giocare, una stanza dedicata a bambini con bisogni speciali e una con una sorta di “agorà” dove i bambini possono ascoltare storie o assistere a lezioni con esperti.

L’intera biblioteca era piena di pannelli insonorizzati di varie forme e dimensioni, ma i più interessanti avevano la forma di fiori o nuvole e facevano parte del design e contribuivano a mantenere la bellezza del luogo e dare un senso di calma tutto intorno.

 

Alle 3 del pomeriggio. abbiamo vissuto una delle migliori esperienze di sempre. Siamo andati a Prison Island, che è un luogo in cui cerchi di risolvere molti giochi in cui devi collaborare con il tuo team per realizzarlo. Quindi, ci siamo divisi in vari team dove ogni partner proveniva da paesi diversi e poi abbiamo iniziato. Si poteva scegliere quale stanza vogliamo provare, alcune prove erano più fisiche, altre prevedevano  indovinelli o sequenze da indovinare e poi risolvere, oppure dovevi scoprire indizi. Alla fine dell’attività eravamo esausti ma davvero felici e pieni di positività. Abbiamo riflettuto molto su tutto questo insieme e abbiamo pensato che sarebbe stato carino provare a creare una versione più semplice di questo gioco per i bambini.

 

Martedì 8 maggio

Martedì mattina si è tenuto il focus group sulla valutazione del periodo 4, in cui abbiamo discusso su cosa è stato facile o difficile, cosa potrebbe essere migliore, i nostri sentimenti e le nostre conoscenze e su come mantenere tutto ciò funziona in modo attivo e positivo. In seguito, abbiamo parlato di come portare avanti i nostri incarichi come paesi: disseminazione, sito web internazionale e questionario. Abbiamo parlato molto su come migliorare tutte queste cose e su come continuare a diffonderlo

Nel pomeriggio siamo andati a Göteborg: dopo una visita alla città, siamo salite su un’enorme barca per fare un giro intorno all’arcipelago. È stato il modo più perfetto per finire l’avventura Erasmus Plus. Ci è stato offerto un fantastico buffet con pesce fresco e crostacei, salse e formaggi. A bordo era presente anche un Team di animatori che hanno cantato e ballato e noi abbiamo fatto lo stesso. È stato meraviglioso!!!!

 

Mercoledì 9 maggio

Mercoledì ci siamo confrontati sulle ricadute posite del Progetto nel nostro lavoro e abbiamo parlato insieme delle nostre aspettative e risultati riflettendo sul futuro. Quindi, abbiamo discusso sulla guida al metodo,  sul miglioramento finale da apportare e sulle scadenze imminenti.

 

Dopo di che abbiamo fatto una foto di gruppo davanti alla bandiera nel municipio di Mölndal e pranzato per l’ultima volta insieme.

Era già tempo di salutare. Eravamo un po ‘tristi perché questa esperienza è stata una tale opportunità per aprire la nostra mente, per riflettere, per migliorare e per cercare di migliorare, migliorare e migliorare ancora una volta che non vorremmo che finisca, nonostante lo sforzo, le scadenze e tutti gli impegni. le cose che dovevamo fare.

Ci siamo ripromessi di tenerci in contatto per consigli e saluti e quant’altro.

 

Siamo sicuri che tutto ciò possa davvero aiutarci a “LASCIARE CHE I BAMBINI CAMBINO IL MONDO”.

 

Leave a comment